News

-

Il supporto del Tavolo Geologia Operativa al piano nazionale della Space Economy (Mirror Copernicus)  e al Copernicus User Uptake (programma FPCUP)

Il 15 Febbraio si è tenuta la riunione con il Tavolo Copernicus Geologia Operativa. L’incontro ha visto la partecipazione di Regioni, Provincie Autonome e Agenzie Regionali per la Protezione dell’Ambiente.  I temi trattati sono stati l’avvio dell'azione di accompagnamento del Programma Mirror Copernicus con specifico riferimento al servizio Movimenti del terreno e l’organizzazione dell’International Training Workshop  su “Geohazards and Copernicus downstream applications and services” nell’ambito del Framework Partnership Agreement on Copernicus

User Uptake (FPCUP 2019). 

Il programma Mirror Copernicus mira a rafforzare il posizionamento del sistema produttivo nazionale nell’emergente mercato europeo e globale dei servizi geo-spaziali, attraverso la realizzazione, sul territorio nazionale, di un innovativo sistema, denominato Infrastruttura Abilitante il Mercato dei Servizi Geospaziali, aperto e interoperabile con altri sistemi analoghi, in grado di accelerarne lo sviluppo ed aumentarne la competitività. Il programma, che ha un costo di 400 milioni di Euro, prevede, per la parte relativa ai movimenti del terreno, il monitoraggio del movimento del suolo dovuto a terremoti, eruzioni vulcaniche, frane ed altri episodi naturali e si svilupperà in 5 azioni di accompagnamento: sperimentazione operativa e validazione, sperimentazione e verifica delle prestazioni, analisi e affinamento specifica algoritmica, analisi e perfezionamento dei fabbisogni degli utenti e realizzazione dell’infrastruttura dedicata alla gestione del dato. 

I principali stakeholder coinvolti sono: ISPRA, SNPA, CNR, INRIM, AGEA, CREA, ENEA, MIT, Ministero dell’Ambiente, Ministero degli Interni, Ministero della Difesa, Ministero dei Beni Culturali e del Turismo, Protezione Civile, Casa Italia, MIPAAF, INFN, GARR e ASI. 

Le azioni di accompagnamento inizieranno nel 2021 e si concluderanno nel 2037. 

L’International Training Workshop su Geohazard and Copernicus downstream applications and services si inquadra nell’ambito del programma FPCUP 2019 che ha come obiettivo quello di aumentare il numero di fruitori di Copernicus e di accrescere la capacità di utilizzo delle applicazioni derivate da Copernicus. Il programma di training prevede alcuni webinar  sui servizi di Copernicus Ground Motion e i fabbisogni degli utenti italiani, le esperienze realizzate sui servizi di movimento della Terra già operativi a livello nazionale e regionale e esempi di casi studio su applicazione di tecniche di monitoraggio satellitare su specifici rischi naturali quali frane, cedimenti, tettonica attiva, terremoti e vulcanismo. Attraverso il Workshop il Tavolo di Geologia Operativa potrà garantire una maggiore capacità di contribuire all’azione di accompagnamento del programma Mirror Copernicus, attraverso la verifica e la validazione dei servizi che verranno sviluppati.